Blog

Un altro giorno

Rischio di cadere
nel vecchio tranello
di raccontare in versi
antiche storie di nature morte.
Devo pensare ad andare avanti. 
Un altro giorno è andato
e un altro è ancora qui
a disposizione.
Dentro la stanza la stufa
riscalda i vuoti.
Di fronte a me libri accatastati
volumi di classici
urlano.
Lunghi capelli ricci
a far da segnalibro:
a pagina 27 c’è la vita.
Come un treno veloce
passano davanti
le immagini più belle.
Fuori è abbastanza sereno.
Solo qualche nuvola.
Da lontano sento
un bambino che ride.
E se questa non è poesia,
poco ci manca.

Luigi Costantino

Non dimenticare l’acqua

Basta una nota
un attimo di lucidità
e rivedi tutto quanto per quel che è
solo un equivoco
l’incontro sbagliato
un’errata convinzione
non è tutto il mondo quello che vedi
è solo una piccola parte
guarda: scegli: ciò che vuoi.
L’amore, l’amore
è lì dove crei armonia
lì dove qualcuno
sa essere fedele.
Fedele alla bellezza.
Quanti cuori persi per strada.
Quanta dolcezza ignorata.
Non distruggere mai i fiori.
Non dimenticare l’acqua.

Luigi Costantino

La più grande saggezza

La più grande saggezza è amare.
Nessuna musica è per sempre.
Tranne quella che facciamo risuonare dentro.
Niente e nessuno può impedire il volo di ali forti.
Ho tutto quello che mi serve:
un quaderno, una penna, e la voglia.
Abito le mie passioni.
Non riesco a dare nulla per scontato. Neanche il respiro.
Non mi do mai per vinto.
E se mi chiedono:
“dov’è il sole?”
Be’, io fornisco sempre
il tuo indirizzo.

Luigi Costantino

Nell’angolo segreto di una stanza

Lo hai deciso un giorno di ottobre
che niente più ti bastava
sei andato a pescare
e non sei più tornato
hai nuotato nelle acque fredde
hai dato uno sguardo intorno
e non hai visto molto
non c’erano luci e chiacchiere
o tranquilli bicchieri
da sorseggiare in compagnia
non c’era quella scintilla
che incendia la foresta.
Non c’era quella voce
che ti urla: resta.
Adesso rimane un pensiero
come un vetro sottile
a tagliarsi il cuore.
A me piace l’idea di una canzone
che qualcuno ti dedicherà
di tanto in tanto, nell’angolo segreto
di una stanza.
Mi piace pensare di sentire ancora
da qualche parte, nell’aria
il suono della tua risata.
 
Luigi Costantino

Persino i capelli

Da quando ci sei
rido moltissimo.
Anche se da fuori
non si vede.
Non è un riso sfrenato
non è un riso futile.
Mi sorride il cuore.
Rido dentro.
Una forte allegria
riempie il mio tempo
invade lo spazio
e si infila dentro
ogni cosa che faccio.
Rido dentro
al pensiero
della tua esistenza.
Rido dentro
al pensiero
del prossimo incontro.
Da quando ci sei
mi sorride l’anima.
Mi sorride tutto.
Persino i capelli
mi sorridono.

Luigi Costantino

Eccoli, i fiori

Ho spento la luce per pensarti.
Non voglio distrarmi:
questo silenzio
urla la tua presenza.
Ti rincorro
nella prateria della mente.
Guarda.
Sei tu quella bambina che gioca
a seminarmi.
Non ce la fai a dileguarti.
Rallenti. Ridi.
Vuoi essere raggiunta.
Ti sfioro.
Torno bambino anch’io.
Ti sorrido.
Forse non te l’ho ancora detto.
Sono nato la seconda volta.
Nei tuoi occhi vedo il mondo.
Il sole, il mare,
il cielo, gli alberi.
È tutto nuovo.
Era da tempo che non amavo così.
Era da tempo che non trasformavo
il due in uno.
Siamo una cosa sola.
Ci hanno prestato le ali.
Ci hanno restituito lo sguardo.
Eccoli qui, i fiori.

Luigi Costantino

Nelle acque dell’amore

Non si può arginare
questo fiume
ho bisogno di bagnarmi
ancora
nelle acque dell’amore
posso sopravvivere senza
posso far vincere l’orgoglio
ma non posso esistere davvero
se non sento il suono della tua voce
se non vedo il disegno dei tuoi sorrisi
se non mi pulsa dentro
almeno una piccola parte
di te.

Luigi Costantino

Da un altro pianeta

Mi hanno detto che l’amore arriva
a passo lento
con discrezione
o con gli occhi dolci di una ragazza timida
mi hanno detto che l’amore arriva
giovane e sfacciato
ti prende ti sprona non ti dà il tempo di pensare
mi hanno detto che l’amore arriva
con le sembianze di una donna stressante ma poi sotto sotto non è mica così stressante
mi hanno detto che l’amore arriva
in costume e con le infradito
pieno di ustioni interiori che la gente conosce sotto la voce delusioni
mi hanno detto che l’amore arriva
in treno in bus a piedi o correndo
e quando non arriva, mi hanno detto, non è colpa tua, è colpa di Trenitalia, delle coincidenze, delle congiunzioni astrali
c’è persino chi dà la colpa a Paolo Fox che porca miseria poteva pure avvisare che quella ragazza vestita da angelo in realtà era un po’ stronza ma non un po’, parecchio, ma era stronza con stile, bisogna ammetterlo, aveva un certo fascino anche vestita da stronza, cosa non ti fa l’amore
e poi
e poi sei arrivata tu
un po’ in sordina
quasi di nascosto
con ineguagliabile eleganza
così pazza che più ti piacevo, dicevi, più ti allontanavi
che creatura originale
che donna straordinaria
allontanarsi dalla bellezza
capite la suggestione
vedere qualcosa di troppo bello e dargli respiro
cara la mia donna straordinaria
tu mi hai dato così tanto respiro
che potrei stare sott’acqua per ore
e resistere, in attesa del tuo amore…
mi dicevano l’amore arriva ma non nel modo in cui ti aspetti
e almeno su questo avevano ragione loro
tu sei arrivata e non corrispondi a nessun modello di donna conosciuta
mi hai insegnato
che l’amore può arrivare
anche da un altro pianeta
io comunque ti avviso
poco fa ho comprato la tuta spaziale al Decathlon
a breve quindi sarò da te
lo sa anche il commesso
quello che stava alla cassa
e che mi metteva fretta
mentre ti stavo scrivendo
un messaggio
e quel messaggio, lo sai
ribadiva la verità
e la verità è che
ti amo.

Luigi Costantino, dal libro “Considera l’intenzione”

versione audio: legge Paola Buttini